October172014

Cose da NON guardare sotto esame *ç*

(Source: heartsandmagic, via wickedwitchoflannisport)

October102014
misscourage:

nicoleejohnson:

gwegg:

-deadly:

sc0ria:

badparenting:

fuckgasm:

lighturges:

-ponyboy-:

ninjasquirtle:

unenduring:

kay-lax:

nyxnude:

$85.50

24.50

$17 dollasss

78$ #yolo 

$7.50 wow im clean suck it

$19.50

$41.50
damn im cheap :-(

lol wow i got $69

$85.50 omfg

$25.50 hmu

32.50 ok

$7

$32

da $32 a $53 XD

misscourage:

nicoleejohnson:

gwegg:

-deadly:

sc0ria:

badparenting:

fuckgasm:

lighturges:

-ponyboy-:

ninjasquirtle:

unenduring:

kay-lax:

nyxnude:

$85.50

24.50

$17 dollasss

78$ #yolo 

$7.50 wow im clean suck it

$19.50

$41.50

damn im cheap :-(

lol wow i got $69

$85.50 omfg

$25.50 hmu

32.50 ok

$7

$32

da $32 a $53 XD

October92014
Allora.
Ho tre esami da preparare.Quattro libri in inglese da leggere per intero.Pagine e pagine di appunti da ricopiare.E cosa faccio?
Ovviamente inizio una serie nuova!Stavolta tocca Twink Peaks.

Allora.

Ho tre esami da preparare.
Quattro libri in inglese da leggere per intero.
Pagine e pagine di appunti da ricopiare.
E cosa faccio?

Ovviamente inizio una serie nuova!
Stavolta tocca Twink Peaks.

3PM
lartespiegataaitruzzi:

John William Waterhouse (Roma, 1849 – Londra, 1917)
Ila e le Ninfe 
1896, Manchester, City Art Galleries
olio su tela, cm 132,1 x 197,5
-
Ila nun è diminutivo de Ilaria come potresti pensà te, anzi è er nome de ‘n omo, anche si st’omo era l’amante de Ercole, quinni omo che va co omo, ma questo pii Greci era normale e dovrebbe esselo finarmente puro oggi, perché dopo più de dumila anni che volemo esse più aretrati dii Greci? Nun credo. Vero è che a vorte una vede un ber pischello e poi scopre che è ghei e allora rosica e dice “carne sprecata”, ma sprecata pe noi femmine, ma no pe chi soo gode, insomma l’importante è che uno o una sò contenti, e finchè due sò maggiorenni e sò d’accordo, viva l’amore.
Però pe dì che siccome Ila era no gnocco da paura, se ponno pure capì ste Ninfe che, stannosene ammollo nell’acqua tutto er tempo, ortre a venije i porpastrelli a spugnetta, se rompeveno pure li zebedei, e vedenno sto bono de Ila che se specchia ner lago, ‘o tireno giù e soo porteno via. Poro Ercole, quanto ce rimase male, se mise pure a piagne: e puro questo pii Greci era occhei, che perfino Achille piagne quanno j’ammazzeno l’amico Patroclo. Quinni è occhei annà omo e omo o donna e donna, e è occhei pe l’ommini de piagne. Vedi quant’ereno avanti i Greci.
Ma tornamo a Uoteraus, che n’era Greco, era Inglese. Che puro gl’inglesi cianno un problema cor fatto de potè piagne o esprime sentimenti in pubblico, ma questo in generale, omo o donna, ma vabbè nun annamo fòri tema. Uoteraus era un simbolista, e un sacco de vorte usa er simbolo dell’acqua insieme aa figura femminile, come qua.
Mo l’acqua è un simbolo de vita, che senza l’acqua nun se po’ vive anzi ‘a vita s’è popo sviluppata drento l’acqua iniziarmente; ma puro un simbolo de morte, che si viè un maremoto, no tsunami, o pure na tempesta mentre che stai in barca, cazzi tua. Quinni senza beve nun se pò sta, ma manco sott’acqua senza respirà: insomma come te metti sbaji. E così, puro ‘a donna, che in teoria è un simbolo de vita dato sì che partorisce li regazzini e cura e nutre eccetera eccetera, però all’omo, forse popo pe questo, je fa un pochetto paura, perché cià un potere che nun se pò controllà. ‘A donna fatale, quella che te fà partì a brocca che diventi scemo. ‘A madre possessiva che te rompe i cojoni fino a ‘o sfinimento. E qui ste ninfe sò un po’ come ‘e sirene de Ulisse, belle e affascinanti, ma aa fin fine, te dice Uoteraus, mejo stacce lontano.
Ma pe fortuna Uoteraus ha dipinto in un antro quadro pure ‘a povera Ofelia, che pe quoo stronzo de Amleto è impazzita e nell’acqua ce s’è buttata e c’è affogata. Quinni vedi che l’acqua nun è né maschio né femmina, e nemmeno l’amore, e purtroppo nemmeno ‘a morte, che ce fa tutti ugguali.


MUOIO X’D

lartespiegataaitruzzi:

John William Waterhouse (Roma, 1849 – Londra, 1917)

Ila e le Ninfe

1896, Manchester, City Art Galleries

olio su tela, cm 132,1 x 197,5

-

Ila nun è diminutivo de Ilaria come potresti pensà te, anzi è er nome de ‘n omo, anche si st’omo era l’amante de Ercole, quinni omo che va co omo, ma questo pii Greci era normale e dovrebbe esselo finarmente puro oggi, perché dopo più de dumila anni che volemo esse più aretrati dii Greci? Nun credo. Vero è che a vorte una vede un ber pischello e poi scopre che è ghei e allora rosica e dice “carne sprecata”, ma sprecata pe noi femmine, ma no pe chi soo gode, insomma l’importante è che uno o una sò contenti, e finchè due sò maggiorenni e sò d’accordo, viva l’amore.

Però pe dì che siccome Ila era no gnocco da paura, se ponno pure capì ste Ninfe che, stannosene ammollo nell’acqua tutto er tempo, ortre a venije i porpastrelli a spugnetta, se rompeveno pure li zebedei, e vedenno sto bono de Ila che se specchia ner lago, ‘o tireno giù e soo porteno via. Poro Ercole, quanto ce rimase male, se mise pure a piagne: e puro questo pii Greci era occhei, che perfino Achille piagne quanno j’ammazzeno l’amico Patroclo. Quinni è occhei annà omo e omo o donna e donna, e è occhei pe l’ommini de piagne. Vedi quant’ereno avanti i Greci.

Ma tornamo a Uoteraus, che n’era Greco, era Inglese. Che puro gl’inglesi cianno un problema cor fatto de potè piagne o esprime sentimenti in pubblico, ma questo in generale, omo o donna, ma vabbè nun annamo fòri tema. Uoteraus era un simbolista, e un sacco de vorte usa er simbolo dell’acqua insieme aa figura femminile, come qua.

Mo l’acqua è un simbolo de vita, che senza l’acqua nun se po’ vive anzi ‘a vita s’è popo sviluppata drento l’acqua iniziarmente; ma puro un simbolo de morte, che si viè un maremoto, no tsunami, o pure na tempesta mentre che stai in barca, cazzi tua. Quinni senza beve nun se pò sta, ma manco sott’acqua senza respirà: insomma come te metti sbaji. E così, puro ‘a donna, che in teoria è un simbolo de vita dato sì che partorisce li regazzini e cura e nutre eccetera eccetera, però all’omo, forse popo pe questo, je fa un pochetto paura, perché cià un potere che nun se pò controllà. ‘A donna fatale, quella che te fà partì a brocca che diventi scemo. ‘A madre possessiva che te rompe i cojoni fino a ‘o sfinimento. E qui ste ninfe sò un po’ come ‘e sirene de Ulisse, belle e affascinanti, ma aa fin fine, te dice Uoteraus, mejo stacce lontano.

Ma pe fortuna Uoteraus ha dipinto in un antro quadro pure ‘a povera Ofelia, che pe quoo stronzo de Amleto è impazzita e nell’acqua ce s’è buttata e c’è affogata. Quinni vedi che l’acqua nun è né maschio né femmina, e nemmeno l’amore, e purtroppo nemmeno ‘a morte, che ce fa tutti ugguali.

MUOIO X’D

3PM
  1. push yourself to get up before the rest of the world - start with 7am, then 6am, then 5:30am. go to the nearest hill with a big coat and a scarf and watch the sun rise.

    2. push yourself to fall asleep earlier - start with 11pm, then 10pm, then 9pm. wake up in the morning feeling re-energized and comfortable.

    3. erase processed food from your diet. start with no lollies, chips, biscuits, then erase pasta, rice, cereal, then bread. use the rule that if a child couldn’t identify what was in it, you don’t eat it.

    4. get into the habit of cooking yourself a beautiful breakfast. fry tomatoes and mushrooms in real butter and garlic, fry an egg, slice up a fresh avocado and squirt way too much lemon on it. sit and eat it and do nothing else.

    5. stretch. start by reaching for the sky as hard as you can, then trying to touch your toes. roll your head. stretch your fingers. stretch everything.

    6. buy a 1L water bottle. start with pushing yourself to drink the whole thing in a day, then try drinking it twice.

    7. buy a beautiful diary and a beautiful black pen. write down everything you do, including dinner dates, appointments, assignments, coffees, what you need to do that day. no detail is too small.

    8. strip your bed of your sheets and empty your underwear draw into the washing machine. put a massive scoop of scented fabric softener in there and wash. make your bed in full.

    9. organise your room. fold all your clothes (and bag what you don’t want), clean your mirror, your laptop, vacuum the floor. light a beautiful candle.

    10. have a luxurious shower with your favourite music playing. wash your hair, scrub your body, brush your teeth. lather your whole body in moisturiser, get familiar with the part between your toes, your inner thighs, the back of your neck.

    11. push yourself to go for a walk. take your headphones, go to the beach and walk. smile at strangers walking the other way and be surprised how many smile back. bring your dog and observe the dog’s behaviour. realise you can learn from your dog.

    12. message old friends with personal jokes. reminisce. suggest a catch up soon, even if you don’t follow through. push yourself to follow through.

    14. think long and hard about what interests you. crime? sex? boarding school? long-forgotten romance etiquette? find a book about it and read it. there is a book about literally everything.

    15. become the person you would ideally fall in love with. let cars merge into your lane when driving. pay double for parking tickets and leave a second one in the machine. stick your tongue out at babies. compliment people on their cute clothes. challenge yourself to not ridicule anyone for a whole day. then two. then a week. walk with a straight posture. look people in the eye. ask people about their story. talk to acquaintances so they become friends.

    16. lie in the sunshine. daydream about the life you would lead if failure wasn’t a thing. open your eyes. take small steps to make it happen for you.

Sixteen Small Steps to Happiness   (via acceptvnce)

This is wonderful

(via my3mptythoughts)

Need to do this

(via casperhaunts)

(Source: emma-elsworthy, via bobbycaputo)

3PM

Woman? Is that meant to insult me?

(Source: tomhiddlestons, via brolden-in-spooky)

September282014
"Finders Keepers"

"Finders Keepers"

9PM
September242014

(Source: bovarismocronico, via azzumel)

6PM

In diretta dall’Università di Mordor

La prof che ci mette una vita per arrivare nell’aula dell’appello e poi si dimentica i verbali è come Frodo che attraversa la Terra di Mezzo e, arrivato al monte Fato, si è dimenticato l’anello a casa.

In compenso, fuori un altro!!

← Older entries Page 1 of 46